Agricollina: una fiera di campagna.

L’atmosfera di un tempo in una fiera del presente.

Dal 23 al 25 Aprile si è svolta a Montecastrilli, in Umbria, la storica Fiera Agricollina.

La storia di Agricollina

Nel mondo rurale, era uso un tempo benedire gli animali che fornivano forza lavoro ed altro genere di profitto. In ogni città o paese c’era un giorno in cui si portavano gli animali della fattoria nei pressi della chiesa. La ricorrenza più famosa è Sant’Antonio Abate ad esempio.

A Montecastrilli, un grazioso paese Umbro in provincia di Terni, all’inizio degli anni ’50, con grande lungimiranza, il parroco Don Antonio Serafini pensò bene di istituire un giorno di ringraziamento dedicato alle macchine agricole.

A quel tempo, la forza lavoro che fino ad allora era offerta solamente da muli, cavalli, buoi, veniva sostituita via via dai motori; il futuro si faceva presente ed i trattori si muovevano sempre più numerosi sui campi coltivati.

Nel giro di qualche anno, alla benedizione si unì una sfilata di trattori per le vie del paese, seguita, nel 1956, alla presentazione di nuove macchine agricole da parte dei produttori, unendo la ricorrenza ad una occasione di promozione commerciale.

Foto storica Agricollina

Uno scatto delle prime manifestazioni di Agricollina. In primo piano, di spalle, Don Antonio Serafini.

La fiera otteneva di anno in anno notevole successo, tanto che da un solo giorno si passò a due e poi fino agli attuali tre. Affiancata inoltre dalla esposizione di animali da cortile.

Negli ultimi anni il Comune ha realizzato una struttura dedicata alla fiera, con servizi e spazi destinati a questo evento, spazi intitolati all’ideatore Don Antonio Serafini. Dal 2000 il nome della fiera passò da “Mostra Mercato delle Macchine Agricole Collinari e degli Animali da Cortile” ad “Agricollina“, più snello e diretto.

Dal 1988 una mostra di trattori d’epoca accompagna la manifestazione, portando i visitatori a ricordare i tempi in cui tutto è iniziato.

La visita

La giornata non era delle migliori. Nuvole grigie ci hanno accompagnato lungo il viaggio e si son fatte trovare ben disposte sopra Montecastrilli. Nell’arco della mattinata il tempo si è poi aggiustato, per fortuna!

L'ingresso ad Agricollina

Entrati ad Agricollina.

La fiera apriva alle nove, noi, arrivati alle nove in punto abbiamo trovato difficoltà a trovare parcheggio, peraltro molto ben organizzato su grandi spazi ai margini del paese. Era la prima volta che visitavamo questa fiera e ci ha stupito la grande affluenza fin dalle prime ore.

È vero che era il 25 Aprile, giornata di festa ma, non ci aspettavamo tutte quelle macchine parcheggiate!

Fra le tante persone che confluivano verso l’ingresso vedevamo tanti attrezzati con abiti e scarpe da trekking e bastoni da nordic walking, la cosa ci ha incuriosito ed abbiamo scoperto che, nell’ambito della fiera era stata organizzata una escursione ad anello nelle campagne Montecastrillesi. A saperlo prima! In realtà siamo stati noi poco curiosi, era ben pubblicizzata nei programmi della fiera. Beh, bella iniziativa!

Ci addentriamo fra gli stand che si presentano variegati. Si va dalle megainstallazioni di gru e trattori al piccolo angolo dedicato all’artigianato locale.

Appena entrati ci siamo fermati a parlare con un geniaccio toscano che ha da poco brevettato una testa per decespugliatore pensata per risparmiare sul filo da taglio, gli diamo fiducia e compriamo il suo prodotto. Farò una prova e cercherò di fare una recensione sulla sua invenzione in un prossimo articolo.

Continuiamo il giro fra bancarelle di ogni tipo, macchine per la lavorazione della terra, trattori giganteschi, recinti di giovani oche, artigiani.

Un artigiano intento ad intrecciare cesti.

Un artigiano intento ad intrecciare cesti.

In una zona dedicata, troviamo bellissimi esemplari di chianine ed altri animali da fattoria. Simpaticissimi asinelli, pecore e capre che si fanno accarezzare. Qui ci mischiamo ad allevatori con occhio attento e bambini stupiti e felici.

Un pigro torello di razza Chianina.

Un pigro torello di razza Chianina.

Insomma ce ne è per tutti i gusti.

La mostra di trattori d’epoca

Un ampio spazio è destinato ad ospitare numerosi mezzi di svariate epoche. Sono esposti ognuno con la sua scheda descrittiva ed il nome del proprietario, in genere restauratori od appassionati che portano i loro mezzi per partecipare alla premiazione che si tiene nell’ultima giornata di Agricollina.

Sono affascinanti e raccontano del tempo in cui la meccanizzazione del lavoro nei campi muoveva i primi passi. Si scoprono fogge e soluzioni tecniche che fanno capire quanto potevano essere avveniristici al loro tempo.

Un possente trattore d'epoca.

Un possente trattore d’epoca.

Piuttosto curiosi i camion per il trasporto di mezzi o altro; questo Samecar del 1964 con sopra caricato un minuscolo trattore stupisce veramente per la sua forma ed il suo colore vivace.

Un Samecar del 1964 che trasporta un piccolo trattore.

Un Samecar del 1964 che trasporta un piccolo trattore.

Fra queste antiche macchine incontriamo un artigiano che realizza oggetti d’arredo utilizzando vecchie botti di legno, fiero di esporre una sua particolare realizzazione: una autovettura, marciante, modellata attorno ad un motore di una Ape Car. Ci ha raccontato con passione il suo lavoro e ci ha descritto in ogni dettaglio la sua opera.

Una "macchina-botte" fatta interamente a mano.

Una “macchina-botte” fatta interamente a mano.

Lo stesso artigiano ci ha fatto rivivere, in un piccolo diorama meccanizzato l’operare delle antiche macchine per la lavorazione della terra. Una miniatura di un vecchio trattore in movimento, stavolta azionato da un motorino elettrico per spiedo da camino! Un giocattolo per grandi e piccini.

Ad Agricollina puoi trovare anche un diorama che descrive l'aratura con un antico cingolato.

Ad Agricollina puoi trovare anche un diorama che descrive l’aratura con un antico cingolato.

Ma le sorprese non finiscono qui. Fra i tanti bei trattori perfettamente restaurati puoi trovare un esemplare che, sembra essere da buttar via ma che invece si dimostra essere la prova che la vecchia guardia può insegnare tanto ai moderni utilizzatori e progettisti. Si, una rarissima Landinetta del 1958, perfettamente funzionante, con un motore monocilindrico costruito dalla Landini (in seguito questa marca utilizzò motori prodotti da terze parti). Un pezzo di storia, che funziona ancora!

Landinetta del 1958. Prodotto dalla Landini che monta un monocilidrico progettato in casa. Una rarità.

Landinetta del 1958. Prodotto dalla Landini e che monta un monocilindrico progettato in casa. Una rarità.

Per finire, la foto di un modello a cui sono affezionato, il Superlandini da 45CV del 1950, il nonno del mio trattore. Per avviare questo trattore, come per altri modelli di quel tempo, si doveva accendere un fuoco sotto quella sporgenza che vedi sotto il radiatore nella foto. Non a caso venivano definiti “Testacalda”, non c’era motorino d’avviamento, il motore lo si faceva partire azionando a mano il grosso volano sul lato sinistro del motore. Altri tempi!

Il modello Superlandini del 1950.

Il modello Superlandini del 1950.

Conclusioni

Alla luce di quanto raccontato, posso dire che è stata una esperienza che suggerisco a tutti gli appassionati di vita rurale, una fiera che, per la sua storia e per l’atmosfera che la permea, deve essere visitata almeno una volta.


Se l’articolo che hai letto ti è piaciuto, condividilo e, se vuoi, scrivi nei commenti il tuo punto di vista.

Grazie, ai prossimi incontri.

Nota per il lettore È importante per me essere corretto con chi legge questi articoli, quindi voglio dirti che i link che portano ad Amazon sono link affiliati. Se hai trovato utile questo articolo e se vuoi aiutare questo blog a crescere, puoi acquistare attraverso questi link, Amazon riconoscerà a questo blog qualche centesimo e tu non pagherai nulla di più.
Le pubblicità che appaiono passano per siti verificati e sono assolutamente sicure.
Cliccare sulle pubblicità ti porta su siti sicuri che riconosceranno a questo blog dei piccoli incentivi che contribuiranno al mantenimento ed alla crescita di queste pagine.
Se invece sceglierai di non seguire questi link o queste pubblicità non importa, ti ringrazio comunque di aver letto questo mio articolo e spero di rivederti spesso su queste pagine!

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.