La cenere: i principali utilizzi in campagna

La cenere è considerata un prodotto di scarto, niente di più sbagliato.

Se hai scelto di vivere in campagna hai di certo a disposizione del terreno, dove sicuramente coltivi un orto o un giardino. Quasi sicuramente tutti e due!

Sapere come arricchire il terreno e migliorare i raccolti, praticamente a costo zero, ti sarà molto utile.

La legna che bruci nel camino o nella stufa è stata albero, e quest’ultimo ha assorbito dal terreno moltissimi sali minerali. Durante la combustione l’acqua e l’anidride carbonica sono andati via, dispersi nell’aria.

Ti rimane una certa quantità di cenere, composta sostanzialmente dai preziosi sali minerali. Se ti riscaldi principalmente con fuoco di legna, la cenere può essere anche molta.

Gettarla via sarebbe un insulto alla natura che ce la mette a disposizione.

Noi utilizziamo una caldaia a legna che in inverno ci fornisce acqua calda per i termosifoni e abbondante acqua sanitaria. Di cenere ne abbiamo in gran quantità ed abbiamo trovato molti modi per utilizzarla.

Va considerato che legna dura e pesante come quella di quercia o castagno produce poca cenere di ottima qualità, legni meno efficienti, come faggio o betulla, producono molta più cenere ma di classe inferiore.

La cenere contiene principalmente Fosforo e Potassio, più altri sali minerali in misura minore.

Il Fosforo è utile alle radici ed il Potassio contribuisce alla struttura della pianta, questi e gli altri sali sono, nella cenere, in forma alcalina, cioè, se aggiunti al terreno contribuiscono ad addolcire l’acidità dello stesso. La maggior parte dei terreni sono più acidi di quanto i vegetali desiderino e cospargerli di cenere ne migliora senza dubbio il pH. Le piante, a parte alcune definite “acidofile”, gradiscono un pH pressoché neutro (tra 6 e 7).

Ti consiglio comunque di misurare il pH del tuo terreno per evitare di eccedere con l’apporto di cenere. Questo lo puoi fare portando dei campioni di terreno ad un laboratorio specializzato, oppure misurandolo con delle semplici cartine al tornasole.

L’ideale è che la cenere rimossa dal fondo del fuoco venga setacciata, anche grossolanamente, per renderla meno compatta e priva di pezzetti di carbone.

Quanta cenere serve?

Con 20 quintali di legna ottieni circa 25 chili di cenere, sufficiente per essere utilizzata su circa cinquanta metri quadri di terreno.

Cosa ci faccio?

Lumache

Circondare la base delle piantine che possono essere attaccate dalle lumache, impedisce a queste di raggiungerle, creando una barriera efficace, e naturale, contro questi infestanti. Spendere tempo e fatica per far crescere insalate che poi trovi divorate dai simpatici gasteropodi non è certo piacevole. Con un po’ di cenere, a costo zero, puoi eliminare quasi totalmente il problema.

Parassiti delle radici

Cospargere gli appezzamenti coltivati a carote, aglio, cipolle, barbabietole, ravanelli ed altri ortaggi da radice, ostacola la deposizione delle uova dei parassiti delle radici. La cenere deve essere asciutta e poco compatta. Setacciata come ti dicevo.

Altri parassiti del terreno

Alcuni parassiti camminano sul terreno, altri si muovono poco sotto la superficie. Un fossato circolare profondo una quindicina di centimetri e riempito di cenere manterrà al sicuro da molti parassiti l’area racchiusa al suo interno, dove puoi coltivare in buona sicurezza i tuoi pomodori o altri ortaggi.

Alberi da frutta

La cenere è astringente e possiede un particolare odore. Un bell’anello di cenere spesso 3 – 4 centimetri e largo poco meno di un metro, non addossato ma torno torno la base del tronco degli alberi da frutta terrà lontani piccoli animali come conigli selvatici e arvicole, ghiotti delle dolci e tenere cortecce. Inoltre impedisce la crescita di erbacce che andrebbero a sottrarre acqua e nutrienti utili.

Un altro valido utilizzo della cenere è quello della produzione di sapone di ottima qualità ed altri prodotti per la pulizia della casa. Di questo ci occuperemo in uno specifico articolo dove vedrai come ottenere del sapone da utilizzare per il lavaggio del bucato e per la pulizia personale.

Hai visto come puoi utilizzare proficuamente un prodotto che di solito viene smaltito come inutile e fastidioso e che invece si rivela prezioso ed indispensabile per una economia domestica che tiene conto di tutto il processo naturale di trasformazione dell’energia e dei prodotti della terra.

Pensi che ti sia stato utile conoscere queste informazioni? Condividile con altri e facci sapere quali utilizzi hai messo in pratica.

3 Commenti

Scrivi un commento